Autore:

Editore:

Il Barone Tschoudy, allievo a Napoli di Raimondo Di Sangro, Principe di Sansevero e Maestro Venerabile della sua Loggia, la «Perfetta Unione», non aveva dubbi: la Massoneria era una via alchemica per il compimento della Grande Opera. Nella prima metà del Settecento si fece questo, e forse per la prima volta: si affiancò alla successione di gradi massonici il lavoro operativo, senza il quale la Massoneria rischia di diventare un contenitore vuoto. Questi “Rituali alchemici”, tratti da un manoscritto del 1766, ci danno un’idea di questa grande stagione in cui nelle logge si faceva vivere la ‘scienza integrale’, un sapere filosofico dove potevano incontrarsi senza contraddirsi religione, arte e scienza.